Mio padre e la sua eredità

baby-hand-infant-child-451853

20 Giu Mio padre e la sua eredità

Se mio padre fosse ancora qui, con me e mio fratello, avrebbe detto che potevamo fare di più.
… “Se non trattiamo il complesso rapporto dell’alimentazione animale e dell’ambiente come priorità,
abbiamo fallito. Abbiamo lavorato, ma non abbiamo prodotto. Continuiamo a rimanere in circolo spinti
dall’onda, ma non abbiamo capito…”
Le sue parole pesano, l’eredità pesa, specie al ricordo che tutte le energie fisiche e mentali di mio padre sono state spese per forgiare le nostre teste ed i nostri cuori in un’unica direzione: il bene.
Occorre tenacia ed indicibile perseveranza nel parlare, oggi, dei benefici dei chelati nella salute di un
allevamento quando da vent’anni ne ho sentito parlare da te, tra una sigaretta e l’altra, mille viaggi
all’Università di Parma ed il tentativo di costruire in San Marco il primo impianto di chelati.
Certo, i pack sulla base del cartellino: pre-mix per mangimifici (finiti, con cereali), pre-mix per alimentazione in stalla. Certo: no-antibiotics, è così per legge in Europa. Certo, le materie prime importate assumendoci l’onere finanziario delle transizioni in piene oscillazioni di prezzo cercando sempre di onorare gli impegni presi; certo gli energetici liquidi, certo i nuovi studi con l’Università di Parma: il progetto “lisinati”.
Ma, la tua eredità pesa.
… “Noi non siamo un mangimificio, e non dobbiamo pensare a “fare soldi”. Guai a voi se cedete l’azienda, ho sputato sangue per fare qualcosa di buono e di bello. Non permetterò che tutti gli studi fatti sui chelati vengano distrutti …”
E’ vero, papà, potevamo fare di più ma non ci siamo tirati indietro.
Abbiamo un processo produttivo controllato; siamo riusciti a verificare la qualità del legame
amminoacido-metallo. Pensa, papà, qualsiasi laboratorio può analizzare il titolo ma noi riusciamo a
misurare la qualità del legame (bond) tra amminoacido e metallo.
Non possiamo dire di essere gli unici produttori in Europa di chelati di glicina e di metionina, ma vorremmo tanto poterlo affermare con serenità.
Stiamo provando a diffondere la conoscenza di questi oligoelementi in forma organica in tutti i mercati dove abbiamo rivenditori ed agenti. Siamo cresciuti in modo costante in centro Europa, in Medio Oriente e continuiamo a farlo senza vantarci di nulla.
Non vogliamo dirci “leader”, vogliamo essere orgogliosi di non aver mai ridotto le nostre
risorse umane ed i nostri collaboratori, di non aver contratto debiti, di aver sempre adempiuti agli impegni finanziari.
E’ una data importante e ti ringrazio di averci supportato ad arrivare fin qui oggi, a “pensare” sempre di più ai chelati per il benessere degli animali in stalla e ad affrontare per questo obbiettivo nuovi investimenti.
Papà, ci siamo ancora ! Grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato e ci continuano ad aiutare, ogni giorno.